Cogli il momento, progetta da casa il tuo Home Office!

By: emanuel|17 Mar 2020

L’emergenza Covid-19 ha amplificato a tutti gli effetti il tema dello smart working. La nuova base di organizzazione del lavoro parte da casa e molte aziende e professionisti hanno necessità di adeguare il più velocemente possibile le loro attività al nuovo modo di comunicare.

E quindi come fare? La soluzione è progettare un perfetto Home Office!

L’home office è un segno dei tempi e in questi giorni sempre più attuale. Ma dove sfruttare al meglio la postazione lavorativa domestica, in camera da letto, in cucina, o nel sottoscala?

La regola numero uno per mantenere alta la produttività è proprio quella di dividere il più possibile l’ambiente di lavoro dall’ambiente di relax.

Ci sono decisioni che influenzano notevolmente il nostro home office. La scelta della scrivania è proprio tra queste. Non solo visto come piano d’appoggio in più, è spesso un rifugio per chi lavora da casa, quindi prevederla almeno da 75 cm per appoggiare Pc, lampada e piantina green.
La scrivania, così come la sedia, è l’elemento caratterizzante, non solo in fatto di estetica.

Nella scelta rientra l’ergonomia, ovvero quella scienza che si occupa dell’interazione tra gli elementi di un sistema e che permette di vivere lo spazio comodamente.

L’importanza della luce 🌈
Non dimentichiamoci però i fondamentali: quando si lavora al computer o ci si siede in un angolo per studiare e scrivere, la luce gioca sempre un ruolo fondamentale. Meglio prevedere la collocazione nelle vicinanze di una finestra, stando bene attenti ai riflessi in caso di uso del Pc e alla direzione della luce in caso di scrittura: valutare se mancini o destrorsi per evitare di farsi continuamente ombra con la mano.

Ricorda sempre che…

  • La produttività aumenta se l’organizzazione dello spazio rispetta i principi ergonomici.
  • La postura corretta non è da sottovalutare.
  • Controlla se il monitor è all’altezza degli occhi: mani e polsi devono essere allineati e paralleli al pavimento.

E ora, a te la parola: come hai scelto e organizzato il tuo Home Office?

 

Write a comment